Donare permessi ai colleghi in difficoltà, in DHL ora si può.  Su richiesta di CGIL, CISL e UIL la DHL, importante azienda logistica che opera sullo scalo di Orio al Serio, ha stretto un accordo che consente di donare permessi ai colleghi che ne hanno più bisogno.

Come a Zingonia…

Sono quelle notizie che vorremmo leggere sempre. Poco tempo fa avevamo parlato della storia di Emilio Lentini a cui i colleghi della “Mattei Group”, che ha uno stabilimento anche a Zingonia, avevano donato 911 ore per permettergli una ripresa a casa dopo la lotta contro la leucemia. Oggi si torna a parlare di solidarietà sul posto di lavoro in terra bergamasca.

Permessi donati a chi ha bisogno

La sperimentazione comincerà nel mese di agosto e durerà per tutto il 2018: i dipendenti che assistono figli minori che necessitano di cure per gravi patologie potranno utilizzare, previa richiesta alla direzione aziendale, i permessi (ROL ed ex festività) donati dai colleghi che scelgono di non utilizzarli.

“Piccolo gesto che fa la differenza”

“E’ un accordo che viene incontro a esigenze fondamentali di alcuni lavoratori con gravi problemi familiari – spiega il segretario della Filt CGIL di Bergamo, Marco Sala – In un epoca dove chi sceglie di essere solidale viene accusato di buonismo un gesto di questo tipo, che sembra piccolo ma che è importantissimo per chi ne può usufruire, fa la differenza. Siamo molto contenti che l’azienda abbia raccolto le esigenze dei lavoratori, attraverso la nostra richiesta: è un segnale importante, soprattutto di questi tempi. Ci auguriamo che l’accordo venga esteso a tutto il gruppo, a livello nazionale”.

Leggi anche:  Mercatone Uno, salve centinaia di posti di lavoro

TORNA ALLA HOME PER LEGGERE LE ALTRE NOTIZIE