Esselunga è partner di Plug and Play Italia.

A Milano il primo hub italiano

La presentazione del nuovo hub milanese dedicato all’innovazione, che vede coinvolti i quattro partner fondatori e ha come focus quello sul settore “cibo e bevande”, è avvenuta lunedì 15 aprile, alle 14, nella cornice dei Frigoriferi Milanesi. L’idea è nata in Silicon Valley negli anni 2000 e ha preso piede finora anche in Germania.

La voce di Esselunga

“Quando abbiamo guardato a questa iniziativa, in qualità di azienda con radici molto forti, ci sembrava un passo azzardato. Ora crediamo che sia per noi e la nostra organizzazione la giusta sfida. Plug and play ci darà una mano a guardare out of the box, perchè avremo sempre da imparare qualcosa di nuovo”, ha commentato Roberto Selva, Chief Costumer Officer di Esselunga quando è salito sul palco che ha acceso i riflettori sulle aziende. Tra esse spicca anche Lavazza. Sergio Cravero, Chief Marketing Officer,  ha invece parlato del tratto distintivo della sua azienda. “Lavazza ha inventato le miscele di caffè, il pacchetto sottovuoto, ha mandato la prima macchina nello spazio per fare caffè. L’innovazione è già parte del nostro Dna, ma per essere agili bisogna lavorare con le start up, da cui trarremo benefici”.

Leggi anche:  Verso il 1° maggio: in Lombardia 113 mila addetti in più in un anno

Startup al centro

Accelerare l’incontro tra imprese e dare sostegno alle start up. Questo il duplice obiettivo che porta con sè Plug and Play, che ha scelto il nostro Paese e Milano per gettare le basi sul tema dell’innovazione. La conferenza stampa di lunedì scorso è infatti stata seguita da un evento di presentazione al quale hanno preso parte 10 startup internazionali che hanno caratterizzato i vari programmi di Plug and Play in ogni latidudine del globo: dall’America, all’Asia, all’ Europa.