I dieci store di Castoldi rimangono Euronics: salvi i punti vendita in Lombardia. Nova Spa, socio romano del Gruppo, ha siglato un accordo di affitto di ramo d’azienda della Castoldi spa attraverso la nuova società Binova che gestirà i punti vendita preservando la continuità aziendale e i posti di lavoro dei 140 dipendenti della società.

I dieci store di Castoldi Spa rimangono Euronics

Euronics, Gruppo leader nella distribuzione di tecnologia, elettronica di consumo ed elettrodomestici, ha fatto sapere che Nova spa, socio romano del Gruppo, ha ufficializzato l’affitto del ramo d’azienda da Castoldi, socio storico dell’insegna.

Nuova gestione per gli store

I dieci punti vendita lombardi – punto di riferimento per gli acquisti di tecnologia a Milano e in Brianza – sono adesso gestiti attraverso la nuova azienda fondata da Stefano Caporicci, Binova Spa.

Ecco nel dettaglio i punti vendita interessati 

  1. Milano
  2. Vimercate
  3. Vimodrone
  4. San Giuliano
  5. Broni
  6. Monza
  7. Sesto San Giovanni
  8. San Vittore Olona

Rilancio e salvaguardia dei posti di lavoro

L’operazione – fa sapere l’azienda in un comunicato – permetterà il rilancio dei dieci negozi e la salvaguardia dei relativi livelli occupazionali – pari a circa 140 posti di lavoro.

Leggi anche:  Iccrea Banca sarà la prima Banca locale del Paese

Stefano Caporicci, Presidente di Nova Spa, ha commentato: “ll know how sviluppato su una metropoli come
Roma ci fa guardare con grande fiducia all’opportunità di approdare a Milano e al suo grande hinterland. Questo passo potrà portare valore aggiunto alla nostra società e all’intero Gruppo Euronics, confermandone la rilevanza nel panorama del retail di elettronica di consumo e elettrodomestici”.

Leggi anche:  Cowoshare 2019: l'evento nazionale di Rete Cowo®

Il fatturato a regime dei dieci nuovi negozi è stimato per circa 70 milioni di euro che porteranno quindi il perimetro delle società controllate dal socio Euronics Nova Spa ad avvicinarsi a un giro d’affari complessivo di circa 300 milioni di euro, confermando la rilevanza del gruppo d’acquisto anche in un momento di concentrazione del canale dei technical goods.