La Giunta di Regione Lombardia approva nuovi incentivi per le piccole imprese. Un’agevolazione a fondo perduto da minimo 4.000 euro a massimo 15.000 euro, per la partecipazione a una o più fiere internazionali lombarde.

Nuovi incentivi per le piccole imprese da Regione Lombardia

La Giunta di Regione Lombardia, su proposta dell’assessore allo Sviluppo Economico Alessandro Mattinzoli, ha approvato un bando per la concessione di contributi a fondo perduto alle micro, piccole e medie imprese (MPMI) per la partecipazione a fiere internazionali che si svolgono in Lombardia, per il biennio 2020-2021, mettendo a disposizione un totale di 4.200.000 euro sui due anni.

Vicinanza al mondo produttivo

“Anche con questo provvedimento – ha spiegato l’assessore Mattinzoli – dimostriamo il pieno sostegno alle nostre micro, piccole e medie imprese perché possano accedere alle migliori opportunità per incontrare i mercati esteri. La forza del nostro sistema fieristico sta soprattutto nella capacita’ di saper portare l’estero in casa”.

Il bando si aprirà in autunno

Lo scopo del bando, che si aprirà in autunno, è proprio quello di promuove l’attrattività del “sistema Lombardia” sui mercati globali creando occasioni di incontro tra imprenditori italiani ed esteri finalizzati ad accordi imprenditoriali e commerciali; la misura sostiene infatti la partecipazione delle imprese lombarde alle fiere con qualifica internazionale, riconosciuta da Regione, che si svolgono in Lombardia.

Leggi anche:  Inveruno, crisi Tor: audizione in Regione Lombardia

Ecco i fondi e i criteri di selezione

L’aiuto si compone di un’agevolazione a fondo perduto da minimo 4.000 euro a massimo 15.000 euro, per la partecipazione a una o più fiere internazionali lombarde nel biennio 2020-2021. L’intensità di aiuto va dal 50% al 70% della spesa, premiando i progetti che prevedono più fiere, le micro imprese e le startup.
La selezione delle imprese beneficiarie avverrà con sportello valutativo: previsti il raggiungimento di una soglia minima nella valutazione di merito e l’accoglimento delle domande con valutazione sufficiente in ordine cronologico di presentazione.

LEGGI ANCHE: Regione, soldi per le bande musicali e contro le truffe