Debiti, lavoratori in cassa, poi il fallimento. Quasi un anno dopo torna a splendere il sole sulla Melegatti, che come la Fenice, sembra davvero risorta dalle proprie ceneri. Una storia a lieto fine, per una volta… e “natalizia” al 100%, è proprio il caso di dirlo.

Melegatti, successo oltre ogni aspettativa

“Un grande regalo di Natale, da dedicare a tutti i lavoratori della Melegatti e, come buon auspicio e augurio, a tutti coloro che stanno vivendo un momento di difficoltà lavorativa”.

Così il Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, esprime la sua soddisfazione per le ottime notizie di mercato che giungono dalla Melegatti, storica azienda dolciaria veronese, i cui pandori, sfornati in 500 mila pezzi, stanno avendo un successo superiore a ogni aspettativa.

“Si è creduto fortemente nella possibilità di un miracolo”

“Quella di Melegatti – aggiunge il governatore – è stata una vicenda sofferta, arrivata a un passo dall’epilogo peggiore, e risolta grazie alla determinazione ferrea dei suoi lavoratori e alla lungimiranza di un’impresa che ha creduto nella possibilità di un miracolo. Il resto l’ha fatto la gente che, capito con grande sensibilità il dramma vissuto, ha voluto dare il suo contributo acquistando tantissimi di quei Pandori che hanno rischiato di non esserci più, e che mi auguro invece ci saranno sempre sulle tavole dei veneti e degli italiani”.

DAL BARATRO A NUOVI SUCCESSI, LA CRONISTORIA:7

Melegatti, anche Alessandro Gassmann saluta il ritorno al lavoro degli operai

Melegatti, gli operai sono tornati a lavorare

Melegatti, questa volta si riparte per davvero

Arrivano i prestiti, torna a produrre la Melegatti

Melegatti acquistata da un’azienda di Vicenza

Melegatti verso la rinascita

Melegatti fallimento dichiarato