“Puliamo l’aria”: la cultura ambientale sarà il filo conduttore del nuovo progetto Erasmus che vedrà impegnati l’istituto comprensivo Galilei e alcune scuole europee.

 

Puliamo l’aria, la nuova sfida passa tra i banchi

L’attenzione per l’ambiente caratterizza ormai da anni l’Istituto Galilei che infatti partecipa al progetto Green School ideato dalla Provincia di Varese. La scuola della nostra città è però aperta anche alla dimensione internazionale e allora perché non coniugare le tematiche ambientali a quelle europee?  Il progetto Erasmus finanziato dall’Unione Europea risponde a questa duplice esigenza didattica: sensibilizzare i ragazzi sui problemi ambientali aprendoli nel contempo all’Europa.

Progetto Erasmus

Per il prossimo biennio la scuola di Tradate lavorerà insieme ai partner di Polonia, Grecia, Macedonia, Spagna sul tema “Europe takes breath” ovvero puliamo l’aria. La responsabile del progetto maestra Monica Salmoiraghi spiega nella prima riunione operativa che sviluppare questi temi con altri paesi europei permetterà non solo di aumentare le competenze scientifiche ma anche quelle linguistiche dei bambini in quanto l’inglese sarà la lingua comune tra i vari paesi.

Leggi anche:  Crisi SuperDì: Il Gigante salva 170 posti, oggi la prima riapertura

Gli alunni creano un logo

 

Alla riapertura della scuola subito tutti gli studenti, anche quelli delle materne e delle elementari, si cimenteranno nella elaborazione del logo per il nuovo progetto e poi saranno attivamente coinvolti per due anni al fine di conoscere le minacce a cui è sottoposto l’ambiente nonché i modi disponibili per ridurle.

I ragazzi di Tradate in Europa

Alcuni ragazzi delle medie accompagnati dagli insegnanti nel corso dei due anni della durata del progetto si recheranno inoltre nei paesi partner ospitati dalle famiglie del luogo avendo così l’occasione di vivere un’esperienza unica per la loro crescita umana e culturale.

I nostri giovani porteranno una ventata d’aria  fresca in Europa!