Scatteranno sabato prossimo i saldi invernali in tutta la Lombardia. Secondo i calcoli di Confcommercio, il giro di affari complessivo sarebbe di circa 5 miliardi, mentre oltre 15 milioni di famiglie saranno interessate alle occasioni.

Saldi invernali 2019

Le festività natalizia sono quasi archiviate e già si pensa ai saldi. Molti negozi hanno già iniziato gli allestimenti e dato il via alle prime promozioni, ma per riuscire a concludere il vero affare bisognerà attendere l’arrivo del weekend.

La spesa media prevista a famiglia, per questa tornata di sconti, dovrebbe aggirarsi tra i 280 e i 325 euro mentre la spesa pro capite in abbigliamento, calzature e accessori tra i 140 e i 122 euro.

Dal 5 gennaio 2019 dunque, e fino al 5 marzo, gli appassionati dello shopping così come i più attenti al risparmio potranno andare in cerca di ciò che manca o levarsi un piccolo-grande sfizio approfittando del prezzo interessante.

Alcune cose da sapere…

Accanto al prodotto, il prezzo iniziale e la percentuale dello sconto devono sempre essere indicati. I prodotti scontati devono essere esposti in reparti o zone diverse rispetto a quelle non in saldo. Le associazioni dei consumatori invitano a diffidare degli sconti superiori al 50% e a tenere sempre lo scontrino o la garanzia che vale comunque per due anni dall’acquisto.

Anche Ascom Confcommercio ricorda alcuni principi di base:

Leggi anche:  Prestito ex Inpdap: la liquidità per i dipendenti pubblici

– la possibilità di cambiare il capo è generalmente lasciata alla discrezionalità del negoziante, a meno che il prodotto non sia danneggiato.

– non c’è l’obbligo della prova dei capi.

– le carte di credito devono essere accettate da parte del negoziante.

– i capi proposti in saldo devono avere carattere stagionale o di moda ed essere suscettibili di notevole deprezzamento se non venduti entro un certo periodo di tempo.

– il negoziante ha l’obbligo di indicare il prezzo normale di vendita, lo sconto e il prezzo finale.

E voi… avete già in mente cosa acquistare?