Superdì e Iperdì da domani, giovedì 20 settembre, chiuderanno. La notizia è arrivata nel tardo pomeriggio e riguarda tutti i punti vendita tranne due o tre che resteranno aperti per smaltire la merce invenduta di tutti gli altri.

Superdì e Iperdì da domani chiudono

La notizia è arrivata nel tardo pomeriggio e ha scosso profondamente tutti i dipendenti dei punti vendita Superdì e Iperdì, che da domani resteranno a casa perchè i negozi chiuderanno. I punti vendita infatti avrebbero ricevuto nelle ultime ore una email da parte di G.C.A GeneralMarket srl dove la proprietà informa il personale della decisione, invitando i lavoratori a recarsi al lavoro, domani, solo per le ultime attività di riordino e pulizia del negozio. Una volta terminate saranno poi messi in ferie e/o permessi residui e successivamente in aspettativa retribuita. In Brianza, lo ricordiamo, i punti vendita interessati sono quelli di Desio, Cesano Maderno, Barlassina, Lentate (già chiuso) e Muggiò.

Tra i dipendenti c’è ovviamente grande confusione in queste ore. E preoccupazione per il futuro lavorativo. E’ da diverse settimane infatti che è in corso una trattativa per trovare una soluzione alla crisi del gruppo e il personale ha sperato fino alla fine di veder confermato il proprio posto in negozio.

Leggi anche:  Confindustria Lombardia: "Politica economica inefficace non in grado di stabilire fiducia"

QUI POTETE TROVARE GLI ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI SULLA VICENDA 

L’incontro in Federdistribuzione

Dal sindacati, che ieri hanno partecipato ad un incontro in Federdistribuzione a Milano proprio con i vertici aziendali, fanno sapere che la situazione è molto complicata. Il gruppo starebbe trattando con quattro aziende per l’acquisizione del 70/80% dei punti vendita. Ma ancora non c’è nulla di definitivo.

Oltretutto resterebbe il problema degli esuberi su cui al momento l’azienda non si è espressa. E degli stipendi su cui al momento l’azienda ha fatto sapere che entro settembre darà un nuovo acconto al personale.

A seguito della decisione arrivata in queste ore i sindacati si sono già mossi facendo richiesta al MISE (Ministero dello Sviluppo Economico) di avviare al più presto un tavolo nazionale sulla questione.