Suzuki Jimny si è aggiudicato il World Urban Car 2019. Il premio rientra fra i riconoscimenti dei World Car Awards ed è stato assegnato lo scorso 17 aprile al New York International Auto Show. Il vincitore è stato scelto tra cinque vetture provenienti da tutto il mondo. Tra queste, oltre Suzuki Jimny, Hyundai AH2/Santro e Kia Soul sono entrate in finale, come annunciato durante il Salone di Ginevra il 5 marzo scorso.

Il premio per Suzuki Jimny

Nel corso della premiazione ha preso parola anche il copresidente del World Car Awards Program, Mike Rutherford, che ha così commentato: “Le auto di tutti i giorni in molte – forse la maggior parte – zone del mondo dovranno adattarsi riducendosi nelle dimensioni. Se le strade e i parcheggi si troveranno in città sempre più affollate e la cui popolazione aumenta ogni anno”. Ecco dunque Suzuki Jimny. Ha una linea di grande personalità, che mantiene le proporzioni e i tratti distintivi dei suoi antenati. I tagli netti delle lamiere, il parabrezza verticale e i fari tondi – oggi a LED – sono un’eredità del passato che mantiene ancora tutta la sua validità. Con una lunghezza di soli 3.645 mm, un’elevata altezza da terra e sbalzi ridotti, JIMNY vanta eccezionali angoli di attacco (37°), di uscita (49°) e di dosso (28°) ed è imbattibile nell’off-road come negli spazi stretti.

Leggi anche:  Universo Ferrari, a settembre grande evento a Maranello

Il commento di Toshihiro Suzuki

“Noi di Suzuki siamo molto onorati di ricevere questo premio – ha ringraziato così il Presidente di Suzuki Motor Corporation, Toshihiro Suzuki – Jimny è l’unico e autentico fuoristrada compatto e Suzuki ha mantenuto fede a questo concetto per quasi 50 anni. Oggi, Suzuki Jimny vanta numerosi fan in tutto il mondo, che apprezzano il design unico nel suo genere e le eccellenti prestazioni, sia su strada che fuori strada. Ritiriamo questo premio a nome dei nostri fan con orgoglio, fiducia e passione, la stessa che impieghiamo nella costruzione di auto che sappiano accompagnare i nostri clienti nelle loro vite quotidiane”.