A Solbiate Olona i residenti chiedono il Controllo di vicinato

Controllo vicinato, i residenti fanno squadra

Lettera protocollata in Comune

Controllo di vicinato anche a Solbiate Olona. Con la lettera di richiesta ufficiale protocollata dal primo gruppo formalmente costituito, la pratica che mette in rete cittadini di uno stesso quartiere allo scopo di scambiarsi segnalazioni, allerte e comunicazioni, come strumento di contrasto a furti e truffe è partita anche nell’unico paese del Medio Olona dove non era ancora stato attivato. A farsi promotrice dell’iniziativa Fiorella Cometti, referente del gruppo di via Novara, il primo appunto ad aver presentato la domanda con relativa modulistica. Indirizzata a sindaco e Polizia locale, ai quali ora spetta l’accettazione dell’istanza con conseguente riconoscimento e coordinamento del Controllo di vicinato.

Altri gruppi pronti in paese

E altri gruppi in paese sono pronti a seguire lo stesso percorso, in alcuni casi anche solo ufficializzando quanto già avviene tra condòmini di una stessa palazzina o vicini di casa di una via. «Negli altri Comuni solitamente questa iniziativa parte dall’amministrazione – spiega Cometti – mentre qui il sindaco, nella serata promossa con i cittadini per avanzare proposte al Bilancio partecipativo, ha sostenuto che la richiesta sarebbe dovuta venire dal basso. E così abbiamo fatto. Mi sono fatta promotrice per il mio quartiere, ho parlato con il comandante della Polizia locale di Olgiate Olona Alfonso Castellone, che è stato il riferimento per tutto il nostro territorio sulle prassi del Controllo di vicinato, il quale ha fornito indicazioni su come muoversi e la modulistica, che il 1 febbraio abbiamo protocollato con le firme e la richiesta formale».

Leggi anche:  Più Solbiate si presenta: «Civici e aperti a tutti per cambiare»

Si aspetta la risposta del sindaco Melis

Il sindaco Luigi Melis non ha mai nascosto il proprio scetticismo nei confronti di questo strumento, non convinto dalla modalità in cui è stato messo atto nei diversi Comuni, ritenendola non omogenea e non sempre efficace. E di recente aveva detto di essere sì favorevole ad attivare il Controllo di vicinato anche a Solbiate Olona, ma solo secondo le direttive che il nuovo Prefetto di Varese dovrebbe sancire in modo univoco. «A me interessa solo che questa necessità dei cittadini venga assecondata – chiarisce Cometti – e che lo strumento sia attivo, non importa chi lo promuove. Ci è stato detto che doveva partire dal basso e così abbiamo fatto».

per le altre notizie: https://settegiorni.it