Rubrica “Il governatore risponde”: per inviare le vostre domande al presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana scrivete a diteloalgovernatore@regione.lombardia.it.

La domanda di questa settimana

Egregio Sig. Presidente Fontana, sulla Gazzetta Dell’Adda di Sabato 10 Agosto, è stato trattato l’argomento del clima che sta cambiando, e purtroppo la nostra Regione è sempre più soggetta a fenomeni devastanti per il territorio, con fiume che esondano, frane e alberi abbattuti.
A fronte di queste emergenze, si provvede a intervenire per mettere in sicurezza il territorio, ma purtroppo nel caso degli alberi, (che assorbono l’anidride carbonica e portano frescura), una volta rimossi, non vengono sostituiti da nuove piantumazioni. Questo con il passare del tempo impoverirà il territorio e ci saranno maggiori danni.
Si dovrebbero stanziare dei fondi da destinare alla piantumazione di nuovi alberi con la collaborazione delle guardie forestali che potrebbero indicare le specie più adatte alle varie zone del territorio. Certa della sua sensibilità a questa problematica, ringrazio anticipatamente e con l’occasione porgo distinti saluti.
C. Raffaella

Il governatore risponde

Gentile Signora, mi preme innanzitutto rassicurarla sullo stato dei boschi nella nostra regione. L’estensione delle foreste lombarde è infatti in costante crescita: negli ultimi 50 anni sono raddoppiate, in linea con quanto avviene nel resto d’Europa e in controtendenza con quanto accade nel resto del mondo. In Lombardia i boschi occupano un quarto del territorio regionale (630.000 ettari), sono costituiti da 107 milioni di metri cubi di legname e trattengono 136 milioni di tonnellate di CO2. I recenti fenomeni atmosferici che hanno colpito i boschi del nord Italia sono dovuti piuttosto al fatto che il patrimonio forestale non è adeguatamente gestito, ovvero curato e tagliato, con conseguente indebolimento e invecchiamento delle aree boschive. Il bosco invecchiato è meno resistente e le frane e gli smottamenti sono non di rado innescati proprio dallo stato di degrado. Più che sostituire gli alberi caduti, è importante incentivare la regolare gestione della foresta per garantire e incrementare i benefici effetti del bosco sul clima, sulla stabilità dei versanti, sulla qualità dell’aria, sulla biodiversità, ottenendo ulteriori effetti positivi quali lo sviluppo della filiera e la creazione di nuovi posti di lavoro e di nuove opportunità di sviluppo. Il ruolo di Regione Lombardia, attraverso la Direzione Generale Agricoltura Alimentazione e Sistemi Verdi, è quello di favorire lo sviluppo della filiera bosco legno: dalla programmazione al finanziamento, dalla formazione degli operatori alla promozione dei prodotti. A tal proposito da metà settembre è partito un bando da 6 milioni di euro, destinati alle area lombarde tra pianura e collina, per la creazione di nuovi boschi, il miglioramento di boschi esistenti o danneggiati, le sistemazioni idraulico forestali e la manutenzione straordinaria di strade agro-silvo-pastorali inserite nei Piani VASP
Per informazioni e segnalazioni relative al bando email: foreste@regione.lombardia.it