Approvato il Pgt, Piano di governo del territorio di Rescaldina. La soddisfazione della maggioranza.

Approvato il Pgt, ecco cosa cambia

Una seduta di Consiglio comunale durante quasi 12 ore, che si è protratta per tre giorni: è stata quella che ha approvato il Pgt, Piano di governo del territorio di Rescaldina, paese del quale viene stabilito il futuro. Tre le parole d’ordine: “Zero consumo di suolo, recupero e riqualificazione e servizi”.
“Abbiamo mantenuto la promessa della campagna elettorale di cinque anni fa – spiegano dalla lista di maggioranza Vivere Rescaldina – in cui avevamo detto ‘Zero consumo di suolo’ e l’abbiamo fatto con 110.000 metri quadri di suolo edificabili che oggi hanno destinazione agricola. Questi vanno ad aggiungersi ai 33.810 metri quadri che erano già stati risparmiati con la variante Auchan. L’edificabilità di un terreno non è un diritto acquisito soprattutto se negli anni non si è mai neanche presentato un permesso di costruire. La scelta di Vivere Rescaldina è stata quella di dire basta al consumo di suolo per non avere lo sviluppo che negli anni scorsi ha visto svilupparsi in modo disordinato il nostro centro abitato. Abbiamo piuttosto scelto di favorire il recupero delle aree degradate che oggi rendono meno vivibile il nostro paese: la corte della Torre, la corte di Ravello, l’ex mangimificio, alcuni cortili sparsi per il paese. Se risistemiamo e facilitiamo il recupero di questi ambiti avremo come conseguenza “sviluppo” ma soprattutto un paese più bello. Potremo ottenere questo obiettivo solo se anche l’ente pubblico riesce a riqualificare i suoi spazi: il paese disegnato dal Pgt è un paese che vede riqualificati gli assi commerciali (la via Matteotti, Bossi e la via Alberto da Giussano), la piazza mercato, i suoi spazi verdi. Lo sviluppo dei servizi è poi il cardine perché Rescaldina diventi sempre meno il paese dormitorio che veniva descritto fino a cinque anni fa. Oggi possiamo davvero pensare alla riqualificazione del cinema teatro La Torre, alla riqualificazione di Villa Saccal, alla nuova scuola materna di Rescalda (per cui quest’anno attiveremo un mutuo da 2.200.000 di euro) all’ampliamento del centro sportivo di via Melzi. Tutti servizi che permetteranno di vivere appieno il nostro paese”.

Laino: “Prima redazione interna”

L’assessore all’Urbanistica Marianna Laino ha lavorato a stretto contatto con l’architetto Stefano Codariper raggiungere il traguardo di scrivere un Pgt che la maggiorana ha definito “rivoluzionario”. “È la prima volta – ricorda Laino – nella storia di Rescaldina che la redazione del Pgt non viene affidata all’esterno ma viene realizzata dal personale dell’ufficio comunale che si è avvalso della collaborazione scientifica del dipartimento Dastu del Politecnico di Milano (Guidati dagli architetti Laura Pogliani e Stefano Arcidiacono). Rescaldina è così anche diventata palestra per tanti giovani architetti che alla fine dei loro studi hanno potuto sperimentarsi nel caso reale di un paese che vive tutti i problemi della periferia di Milano”.

Leggi anche:  Elezioni Rescaldina, ecco i componenti della lista del M5S di Massimo Oggioni FOTO

Ielo: “Un vero miracolo”

Soddisfatto del lavoro anche il capogruppo di maggioranza Gilles Ielo (e candidato sindaco delle liste civiche Vivere Rescaldina e Noi X Rescaldina): “Ho ringraziato l’assessore Laino, l’architetto Codari, l’ufficio Urbanistica, il Politecnico e tutti le persone che dal 2015 hanno guidato l’area (Nadia Della Bella e Lucia Zarini) per essere riuscite in un vero e proprio miracolo che farà cambiare finalmente verso alle politiche urbanistiche del nostro paese. Un miracolo realizzato grazie alla partecipazione di tantissimi rescaldinesi (dai bambini agli anziani) che, con la regia dell’Assessore alla Partecipazione Elena Gasparri, hanno fornito le loro idee comprendendo che il Pgt non è semplicemente un affare di tecnici e proprietari ma è invece il documento in cui ci si immagina come sarà il paese di tutti, la Rescaldina del prossimo futuro”.

Il sindaco: “Orgoglioso”

“Questo documento – ha aggiunto il primo cittadino Michele Cattaneo – costruito con tantissimi cittadini, contiene anche idee e stimoli del gruppo di Noi X Rescaldina (che ha espresso voto favorevole) e del Movimento 5 Stelle che, pur ammettendo il grande valore del documento, ha deciso di non partecipare al voto. Il documento approvato ha già meritato il premio nazionale “Comuni virtuosi”, è stato oggetto di convegni di interesse nazionale e verrà presentato al congresso nazionale dell’Inu, l’Istituto Nazionale di Urbanistica. Un sindaco non può che essere orgoglioso di una squadra capace di generare risultati di questo tipo. Il coronamento di questi 5 anni eccezionali passati alla guida di un paese altrettanto eccezionale!”

TORNA ALL’HOME PAGE DI SETTEGIORNI PER LE ALTRE NOTIZIE