Assemblea annuale della CALRE a Bruxelles oggi, lunedì 7 ottobre: Borghetti per il Consiglio Regionale della Lombardia

Assemblea annuale della CALRE a Bruxelles: Borghetti per il Consiglio Regionale della Lombardia

Oggi si è svolta a Bruxelles l’Assemblea annuale della CALRE, la Conferenza delle 75 Assemblee Legislative regionali europee. Come delegato a rappresentare il Consiglio Regionale della Lombardia, in qualità di Vice Presidente, Carlo Borghetti è intervenuto durante i lavori relazionando sui progressi del gruppo di lavoro, da me presieduto, sul tema della lotta alle diseguaglianze di salute nei sistemi socio-sanitari europei. Il gruppo ha visto l’adesione di membri della CALRE provenienti da Italia, Spagna, Portogallo, Belgio e Austria, raccogliendo a oggi i contributi di 14 Regioni. Il Consiglio regionale della Lombardia, inoltre, è stato insignito dalla CALRE di ben due premi “Stelle d’Europa”, per due progetti che avevo presentato alle altre regioni europee come nostre “buone pratiche” nella precedente sessione di lavori: il primo, dal titolo Consiglieri per un giorno, ha visto coinvolti in un anno oltre mille studenti di 22 diverse scuole lombarde in un programma di educazione alla democrazia e alla legalità, e il secondo, su un tema di cooperazione internazionale, che riguarda l’ educazione alla sessualità nei Paesi in via di sviluppo.

Leggi anche:  Sedriano, anche un viceministro inaugura i nuovi orti

Le parole di Borghetti

“Stiamo portando avanti un interessante lavoro di approfondimento sui sistemi socio-sanitari delle regioni europee per trovare, nei differenti approcci metodologici e anche culturali, una linea comune di intervento rispetto alle emergenze e alle diseguaglianze che i differenti sistemi da una parte creano e dall’altra cercano di risolvere. Il nostro obiettivo è migliorare l’accesso di tutti i cittadini a cure adeguate. Data l’importanza dell’argomento, il gruppo di lavoro è stato rinnovato dall’Assemblea all’unanimità anche per il 2020, e ho avuto l’onore di esserne riconfermato Presidente”.

.