Dopo l’attacco del Pd sui disagi causati dai numerosi cantieri a Tradate, la replica dell’assessore ai Lavori Pubblici Alessandro Morbi.

Cantieri a Tradate, botta e risposta continuo

Attacco “stucchevole”. L’assessore ai Lavori Pubblici di Tradate Alessandro Morbi bolla così le critiche mosse nei giorni scorsi dal Pd circa i disagi lamentati dai cittadini per i cantieri aperti in città. Cantieri e lavori che si traducono, quotidianamente, in lunghe code e necessità di cercare strade alternative per raggiungere il centro, l’ospedale, la clinica Maugeri o le scuole. “Le accuse arrivano da un partito che fino a pochi anni fa governava la città di Tradate, tra il 2012 e il 2017 – replica piccato –  Lasso di tempo in cui per vedere numerosi cantieri pubblici bisognava uscire dai confini cittadini”.

“Pd assente e poco attento”

Primo punto toccato dal Pd è stato il cantiere per la rotatoria di via Melzi, “intervento che la città aspetta da circa 10 anni”, ricorda Morbi. “A questo proposito, cosa ha fatto il PD nei 5 anni di governo della città? – continua – Trovo curioso anche il fatto che si citino le mie dichiarazioni di Facebook, come unico canale ufficiale
d’informazione: se i rappresentanti del Pd stessero più attenti nei Consigli Comunali, si sarebbero accorti che nell’ultima seduta consiliare ho risposto ad un’interrogazione spiegando, punto per punto, tutti i motivi che hanno causato i ritardi di quel cantiere“.

Lavori non posticipabili

Entrando nel merito degli altri cantieri, Morbi fa sapere che contrariamente a quanto chiesto dal Pd non potevano essere rimandati: “In merito alla concomitanza con gli altri cantieri cittadini, come quello di via Galli, devo evidenziare anche in questa circostanza che si tratta di lavori non posticipabili, che devono essere terminati prima dell’inverno, sia per motivi tecnici che di economico-contabili – spiega – Le stesse scadenze caratterizzano i lavori d’asfaltatura di via Gradisca e Catalani, entrambi interventi finanziati con contributo statale da parte dell’ex Ministro Salvini e da terminare entro l’inizio dell’inverno. Anche per queste opere sono stati coinvolti i gestori delle reti, ottenendo il rifacimento della rete idrica da parte di Prealpi Servizi. Tutte queste scelte rispecchiano una buona capacità gestionale e di coordinamento da parte della nostra amministrazione“.

Leggi anche:  Un candidato civico per riconsegnare la città ai legnanesi: l'appello di Olgiati

“Basta polemiche, proponete qualcosa”

I disagi però ci sono, eccome. Non si può negare. “Certo – ammette l’assessore – si tratta però di difficoltà che potranno essere ampiamente superate dalla buona riuscita delle opere”. “Invece di chiedere a noi un cambio di rotta – conclude Morbi – auspico che questo arrivi dal Partito Democratico: limitino le futili e
inutili polemiche e si attivino per una maggiore collaborazione e magari  qualche proposta per il bene della città e dei cittadini. Ricordandosi che chi fa le cose può anche sbagliare, chi non fa nulla non sbaglia mai”.

LEGGI ANCHE: Cantieri e disagi lungo le strade di Tradate. Il Pd: “Si cambi rotta”