Arrestato con le accuse di corruzione e turbativa d’asta, il sindaco legnanese Gianbattista Fratus si è dimesso.

Corruzione a Legnano, dimissioni

Dimissioni inviate il 16 maggio. Dice addio alla fascia tricolore il sindaco di Legnano Gianbattista Fratus, attualmente agli arresti domiciliari accusato di corruzione e turbativa d’asta insieme al vicesindaco Maurizio Cozzi, che invece si trova in carcere, e all’assessore Chiara Lazzarini oltre che di corruzione elettorale. A darne notizia il suo avvocato Maira Cacucci. “E’ a disposizione della magistratura per chiarire la propria posizione, del resto ha fiducia nella giustizia”, ha spiegato. Poi l’avvocato ha precisato “del resto, ha fiducia nella giustizia”. Lunedì è previsto l’interrogatorio di garanzia.

LEGGI ANCHE: Operazione Piazza Pulita: corruzione a Legnano VIDEO