Il 14 febbraio l’azienda Sirti ha annunciato l’intenzione di licenziare 833 lavoratori e aprirà una procedura di riduzione del personale. Mercoledì 19 febbraio 2019, dalle 8 alle 12 invece, i dipendenti hanno scioperato per 4 ore con presidio in via di Vittorio a Mazzo di Rho. Così i deputati della Lega Fabrizio Cecchetti, Commissario del Carroccio a Milano e vicecapogruppo vicario alla Camera, e Fabio Massimo Boniardi si sono rivolti a Di Maio. Oggi, giovedì 9 maggio 2019, si sono detti soddisfatti per l’accordo raggiunto.

LEGGI ANCHE:

Sciopero e presidio alla Sirti contro gli 833 licenziamenti

Licenziamenti Sirti: Cecchetti e Boniardi si rivolgono a Di Maio

Crisi Sirti: Cecchetti e Boniardi si dicono soddisfatti

“Esprimiamo soddisfazione per l’accordo raggiunto sulla crisi della Sirti di Rho. Una buona notizia per il nostro territorio. Erano a rischio 833 posti di lavoro, altrettante famiglie coinvolte. Per questa ragione avevamo presentato subito alla Camera un’interrogazione per sollecitare il Ministero per lo Sviluppo economico a fare il possibile e l’impossibile per tutelare i lavoratori della Sirti valutando ogni soluzione possibile per scongiurarne i licenziamenti, così come in Regione Lombardia il consigliere della Lega Simone Giudici aveva promosso a suo tempo una serie di audizioni. Le intese su uscite incentivate, riconversioni interne, contratto di solidarietà difensivo sono risultati concreti e positivi. Ora è di fondamentale importanza l’apertura del Tavolo di Settore delle Telecomunicazioni”.