Discarica Cerro, Comitato cittadini è stato in piazza per la raccolta firme.

Discarica Cerro, non si ferma la protesta

Sono stati in piazza della chiesa parrocchiale di Cerro Maggiore, per tutta la mattinata di domenica 3 marzo: stiamo parlando dei membri del Comitato cittadini anti-discarica che, attivo negli anni Novanta nella battaglia contro la discarica, ora ha deciso di tornare sulla scena vista l’ipotesi di riapertura del Polo Baraggia (la società Ecoceres – ex Simec – ha infatti presentato la Via, Valutazione impatto ambientale, a Città metropolitana per chiedere di non conferire più terre e rocce di scavo come previsto bensì fanghi industriali facendo diventare il sito una discarica di rifiuti non pericolosi”.
Nella mattinata di ieri, il comitato ha raccolto 165 firme. “Domenica 10 – annuncia Doriano Dalla Paola che ne fa parte – saremo invece nella frazione di Cantalupo. Nostro obiettivo è sensibilizzare l’intera cittadinanza su quanto potrebbe accadere, le firme col nostro no alla riapertura della discarica saranno poi protocollate in Comune e Città metropolitana”.
In paese è rinato anche, da oltre un mese, il Comitato intercomunale di crisi ambientale che tornerà a riunirsi la sera di lunedì 4 marzo, alle 20.45, nel Chiostro Solidale (Convento dei frati Cappuccini, via Cappuccini).

Leggi anche:  Panalpina, sciopero contro i licenziamenti FOTO

Leggi anche:
Discarica a Cerro: cittadini e sindaci pronti a bloccare i camion

TORNA ALL’HOME PAGE DI SETTEGIORNI PER LE ALTRE NOTIZIE