A una settimana dai risultati delle urne per le elezioni regionali e politiche parla Santo Cara della sezione tradatese di Liberi e Uguali.

Elezioni, il flop di Liberi e Uguali

3,39% alla Camera, 3,28 al Senato e 1,93% al candidato in Regione Onorio Rosati. Per Liberi e Uguali, movimento fondato da Piero Grasso e che ha riunito gruppi e politici scissi o comunque critici dal Pd, “è un risultato deludente”. Non lo nasconde Santo Cara, punto di riferimento tradatese della formazione. “Ci abbiamo provato, ma paghiamo una crisi politica e della sinistra iniziata molto tempo fa. Noi abbiamo deciso di rivolgerci a precari, disoccupati, ai lavoratori che sono stati abbandonati dal Pd, ma queste forze sono andate a chi gli prometteva cose faraoniche, dalle pensioni a mille euro al reddito di cittadinanza”.

Il caso tradatese

In città le percentuali migliorano, seppur di poco, alle regionali dove ci si è fermati poco sotto al 3%. Qui LeU candidava l’ex vicesindaco Luigi Luce e la giovane Stella Casola. In città, 121 preferenze il primo, 25 per la seconda. “A Tradate la sinistra di batoste ne ha prese tante ultimamente – continua Cara – Abbiamo perso il Comune nonostante 5 anni di ottima amministrazione. E quel segnale doveva essere chiaro soprattutto al Pd, che si è crogiolato in numeri secondo loro positivi ma in realtà ben al di sotto dell’aspettativa e delle intenzioni di voto dell’anno scorso. Vero che era cresciuto rispetto al 2012, ma a giugno non era certo al 20% come invece raccolto a Tradate. Noi abbiamo pensato, creduto, di poter intercettare quei voti in uscita ma non ci siamo riusciti”.

Leggi anche:  Vola la raccolta differenziata, in un anno su del 7%

Luce, Casola e Cavalotti

Lui candidato con Liberi e Uguali e lei invece a supporto di Giorgio Gori (Pd). “La candidatura dell’ex sindaco ha certo contribuito ad abbassare il nostro risultato – ipotizza Cara – La sua scelta, arrivata dopo quella di Luce e a seguito di mesi di tira e molla, in un certo senso ha giocato contro. Ora, incassato il colpo, non vogliamo arrenderci. Noi vogliamo continuare a lavorare sui Tradate per difendere chi perde il lavoro, chi vive il problema della casa, per difendere la nostra sanità. E partiamo da un dato positivo, la nostra candidata Stella Casola che ha raccolto 305 preferenze nella circoscrizione. E’ una ragazza intelligente, di sinistra, con tanta voglia di crescere e disposta a impegnarsi. Dobbiamo puntare su di lei”.