Elezioni Rescaldina: il Movimento 5 Stelle, guidato dal candidato sindaco Massimo Oggioni, ha presentato il programma ai cittadini sabato 11 maggio a Villa Rusconi. Presente l’europarlamentare Tiziana Beghin.

Elezioni Rescaldina: il programma di Oggioni (M5S)

Prosegue la campagna elettorale a Rescaldina. Ora è la volta di Massimo Oggioni, candidato sindaco del Movimento 5 Stelle che sabato 11 maggio, ha presentato il suo programma elettorale a Villa Rusconi: “Il programma è l’insieme delle cose che vorremmo fare se eletti – ha spiegato -, è una lista di azioni, una linea, una strada. La differenza nei programmi sta nel come si realizzano i progetti e come si gestisce l’imprevisto, soprattutto rispetto al valore che si dà alle parole che si scrivono: tutela del piccolo commercio, ma rispetto a chi? Piano della manutenzione stradale, ma come?”.

E ancora: “La nostra è una lista normale – ha proseguito Oggioni, attuale portavoce del movimento in Consiglio comunale -: normalità intesa come persone comuni che hanno pensato a un programma modestamente ambizioso, a misura umana. Vogliamo che le persone vivano il Comune in serenità e sicurezza. Il nostro programma si basa sulla trasparenza e sulla partecipazione, ma anche sull’apertura, perché non pensiamo di avere la verità in tasca, tutti possono contribuire a migliorarlo. La concezione che ci guida è quella olistica: il totale è superiore alla somma delle parti, ogni problema è stato ricondotto alla sua totalità. I programmi sono cose serie. Non tutte le Amministrazioni, alla fine del mandato, hanno davvero rispettato al 100% i punti. Non rispettarli significa privare l’elettore del suo diritto di voto. Imprescindibile è interpellare il popolo sempre, non solo durante le elezioni. I cittadini, però, devono continuare a sorvegliare, a vegliare sul contratto sancito tra loro e l’Amministrazione vincente”.
E aggiunge: “Io ho un grandissimo difetto, l’ostinazione, che per me è anche un pregio: se lo diciamo, lo facciamo».

I progetti del movimento

“La prima cosa che faremo sarà pulizia – ha annunciato Oggioni -: degli ambienti: ripuliremo il paese dalla spazzatura abbandonata, dall’amianto nei boschi, ripuliremo gli impianti sportivi e i luoghi pubblici e controlleremo affinché restino puliti. Rifiuti zero = tolleranza zero; delle istituzioni: impediremo di avere nelle istituzioni comunali condannati in primo grado e poltronisti di ogni tipo, fuori la politica dal periodico “Partecipare” e dai direttivi delle Consulte. Un paese vitale è un paese sicuro: creazione di un presidio fisso della Polizia Locale in stazione, installazione nei luoghi più sensibili di sistemi di sorveglianza collegati con le forze dell’ordine, incontri periodici tra cittadini, forze dell’ordine e amministrazione per valutare insieme le soluzioni da attuare, i cittadini e le associazioni si riappropriano del loro paese tramite iniziative nei luoghi più sensibili e l’Amministrazione dà il buon esempio portandoci il Consiglio comunale itinerante”

Leggi anche:  Sedriano, anche un viceministro inaugura i nuovi orti

Poi la partecipazione: “Se sai partecipi, se partecipi decidi: registrazione e trasmissione dei Consigli comunali e di tutte le sedute di commissione, spiegazioni chiare delle delibere prima della loro votazione e del bilancio, le commissioni saranno un tavolo di lavoro e condivisione aperto a tutte le forze politiche, alle consulte e alle associazioni. I problemi si risolvono insieme. Basta con i consiglieri silenti: pubblicheremo un chiaro indice di produttività per consiglieri e assessori, il gettone presenza sarà erogato solo a chi partecipa all’intera seduta, basta con gli uffici che non rispondono: al cittadino sarà indicato immediatamente chi si sta occupando della sua pratica, entro quando sarà conclusa e ogni aggiornamento, piano per la connettività. Le nuove tecnologie al servizio di Amministrazione e cittadini; l’ambiente: stop al consumo di territorio, sì a ristrutturazioni e rigenerazioni urbane, liberiamo il paese dal cemento, dove non occorre lo andremo a togliere, Progetto 1000 alberi per Rescaldina, spartitraffico verdi, viali alberati, prati fioriti, verde di quartiere e orti urbani. E adesione al progetto Green School per scuole a elevato valore ambientale”.
Sempre il candidato: “Rescaldina in movimento sostenibile con revisione e sviluppo del posteggio della stazione, più risorse per pedibus, velostazione, car sharing, navette, adeguamento e manutenzione di strade e marciapiedi, spostarsi diventa un diritto per tutti: creazione di percorsi sicuri per anziani e persone con mobilità ridotta che colleghino i principali punti di interesse in paese, ridisegniamo le ciclabili insieme: cittadini, commercianti, automobilisti, ciclisti; Benessere. Salute, sport, cultura con realizzazione di un centro prelievi nelle strutture comunali, festa del benessere per promuovere stili di vita sani, istituzione della Consulta sportiva e revisione delle tariffe utilizzo impianti per supportare le piccole associazioni sportive e gli sport minori, censimento e riqualificazione degli impianti sportivi, bilancio della biblioteca e creazione di un centro di aggregazione giovanile con aula studio attrezzata, investiamo sul nostro futuro: borse di studio per gli studenti più meritevoli. E poi – ha proseguito – Festa dei popoli: daremo valore a tutte le diverse culture, partendo dalla nostra, ottimizzazione del piano diritto allo studio, lancio del primo Festival del cinema invernale e dell’agosto rescaldinese”.

Infine l’economia: “Quello che serve c’è già, diamogli valore: stop ai centri commerciali e tutela del commercio di prossimità, Rescaldina fuori dalle mura: spazi all’aperto per negozi, associazioni e attività, riqualificazione dei mercati cittadini e introduzioni mercatini a km zero per piccoli produttori e artigiani; supporto e spazi gratuiti alle attività no slot, riqualificazione di Villa Rusconi e avvio punto di co-working per start-up, recupero Villa Saccal e creazione polo del benessere e salute”.

TORNA ALL’HOME PAGE DI SETTEGIORNI.IT PER LE ALTRE NOTIZIE