Lavori alle scuole medie e all’auditorium ma anche nuove asfaltature, bilancio partecipato e nuova esenzione per l’Irpef, fondi per le ville confiscate alle mafie. Ecco gli interventi previsti dalla nuova Amministrazione nel Bilancio di previsione 2020-2022 e le opere pubbliche. E l’assessore risponde alle critiche.

Lavori alle scuole medie, strade e riduzione Irpef

Nell’ultimo Consiglio comunale la maggioranza del sindaco Daniela Rossi ha approvato il Bilancio di previsione 2020-2022, il triennale delle opere pubbliche e il Dup (Documento unico di programmazione). L’assessore al Bilancio Marco Rotondi ne spiega i contenuti e risponde alle critiche arrivate dalla lista di opposizione “Per San Vittore Olona”: “Il bilancio non può che partire dal programma elettorale dell’Amministrazione comunale, il Dup riprende i contenuti proposti dallo stesso programma elettorale che ci ha visti premiati alle elezioni – spiega l’assessore -. Non è vero che non c’è stata collaborazione: è stato mandato a tutti i consiglieri affinchè potessero valutarlo e fare proposte e integrazioni ma non è arrivato nulla. Se fossero arrivate e fossero stato migliorative e ragionevoli sarebbero state prese in considerazione. Ma non è arrivato niente. Anche verso i cittadini abbiamo cercato di rendere tutti i dati più accessibili e semplici da capire”.
Sul fronte dei contenuti Rotondi ricorda di “aver voluto evitare di caricare i cittadini di tasse e tributi e ci siamo riusciti in parte, ad esempio per l’Irpef abbiamo aumentato l’esenzione da 15 a 16mila euro andando così a tutelare 152 contribuenti dei quali 140 sono pensionati o con reddito da dipendente: un segnale importante a nostro avviso”. E poi la Tari “per la quale abbiamo limitato il più possibile l’aumento e puntiamo a superare l’80% di raccolta differenziata”.
E i lavori: “Sul fronte degli investimenti abbiamo 550mila euro per le scuole medie – prosegue Rotondi – così da risolvere il problema delle infiltrazioni d’acqua dal tetto e rendere fruibile per Comune, associazioni e cittadini l’auditorium isolandolo dal resto della scuola”. Le strade: “La somma per le asfaltature è di 725mila euro, compreso il rifacimento della segnaletica”.
E l’assessore replica ad altre critiche: “Il carico di lavoro è stato tale per cui abbiamo preferito conferire l’incarico all’esterno”.

Leggi anche:  Grave scontro sul Sempione: un'auto si ribalta - LE FOTO

Interventi sulle ville confiscate alla mafia

“Vogliamo recuperare gli immobili presenti in paese – afferma Rotondi -. La villa di corso Sempione 55 è in una posizione strategica, è immobile di pregio: per scongiurare che possa essere messo all’asta abbiamo messo a bilancio 450mila euro per la sua sistemazione. Per quanto riguarda la villa di via Mazzini 38/b stiamo lavorando per formalizzare un protocollo con l’azienda consortile Sole per chiarire alcuni dettagli relativi al canone che sarà riconosciuto al Comune che lo userà per rimborsare il mutuo, che sarà pari a 700mila euro. I due immobili devono avere destinazione sociale, per quella in via Mazzini si pensa a categorie quali anziani e giovani”.

Il Bilancio partecipato

“E’ una delle novità di questo bilancio, un progetto mai sperimentato in paese prima d’ora – annuncia Rotondi -. Si tratta di un progetto di avvicinamento della comunità alla gestione della cosa pubblica, che sceglierà come spendere alcune cifre del bilancio. Sarà un percorso lungo, partiremo dalle scuole, associazioni, ragazzi e cittadini ai quali chiederemo di individuare le priorità che intendono realizzare. Ci saranno assemblee e informazioni così da inserire i progetti proposti, che dovranno essere realizzabili, nel bilancio 2020”.
E Rotondi conclude rispondendo ad altre critiche: “C’è grande collaborazione con gli uffici comunali, impostata sulla massima chiarezza, trasparenza e responsabilità senza invasione di ruoli”.

TORNA ALL’HOMEPAGE DI SETTEGIORNI.IT PER LE ALTRE NOTIZIE