Lavori e taglio erba in paese, interviene l’ex assessore e oggi capogruppo della lista di opposizione “Per San Vittore Olona” Paolo Salmoiraghi.

Lavori e taglio erba, interviene Salmoiraghi

Si torna a parlare di lavori e taglio erba in paese, dopo le dichiarazioni del sindaco Daniela Rossi e dell’assessore ai Lavori pubblici Andrea Pessina.
“Abbiamo letto alcune dichiarazioni del sindaco e dell’assessore facendo il punto della situazione su strade e rifiuti. Siamo contenti che abbiano iniziato a lavorare e portare avanti la macchina amministrativa – afferma l’ex assessore e oggi capogruppo della lista di opposizione Per San Vittore Olona Paolo Salmoiraghi -. Non riusciamo però a capire il senso di alcune insinuazioni riguardo il fatto che ‘… i ritardi non siano imputabili a loro’. A che pro? Nessuno ha mai detto che nel giro di 70 giorni uno debba cambiare il mondo. Però alcune precisazioni vanno fatte. Per quanto riguarda gli appalti di manutenzione derattizzazione e disinfestazione sono ovviamente ed esclusivamente atti gestionali tecnici.  Relativamente alla situazione delle strade, mi ha fatto sorridere leggere che ‘alcuni problemi sono nati da lavori che non dipendono dal comune, quali quelli per la posa della fibra ottica e del metano che sono appalti regionali’ quando, fino a maggio scorso, qualsiasi problematica relativa alla situazione delle strade a San Vittore Olona era imputata all’amministratore di turno, Sindaco o assessore. Piuttosto leggere, relativamente all’appalto del verde, ‘che i ritardi sono imputabili alle piogge, che hanno fatto slittare i lavori portando l’erba ad un’altezza non indifferente’. Ricordo che il nuovo appalto è stato sollecitato ad ottobre, poi a Gennaio, per essere aggiudicato definitivamente ai primi di maggio con inizio dei lavori da parte della nuova ditta il 10 maggio scorso. Chiunque fosse stato al ‘governo’ cittadino sarebbe intervenuto energicamente con la nuova ditta. Ovviamente adesso si viene a dire che le problematiche sono dovute perché è piovuto due o tre volte e l’erba era alta, quando prima la polemica era esclusivamente sul fatto che non si riuscisse a tenere pulito il paese.  Il fatto certo è che a bilancio la nuova Amministrazione – conclude Salmoiraghi – ha ricevuto in dote circa 1 milione di euro di investimenti da appaltare per la sicurezza delle strade, delle scuole, degli edifici comunali. Fortuna vuole che con il decreto sblocca cantieri l’appalto delle strade può essere gestito direttamente dall’Amministrazione comunale senza rivolgersi alla centrale unica di committenza non dilatando i tempi di appalto. Vedremo se nei prossimi mesi tutto questo verrà realizzato”.

Leggi anche:  Niente presepe in piazza, la polemica di Roberto Morlacchi

TORNA ALL’HOMEPAGE DI SETTEGIORNI.IT PER LE ALTRE NOTIZIE