Decisa la data per la manifestazione a sostegno dell’Ospedale Galmarini di Tradate.

Ospedale Galmarini, in piazza

L’appello lanciato alcuni giorni fa da Mauro Micheluzzi sulla pagina Facebook TRADATE/ABBIATE/CEPPINE DA VIVERE ha una data. Sabato 3 novembre, appuntamento in piazzale Zanaboni, davanti alla portineria dell’ospedale Galmarini, dalle 14 alle 17. Un  presidio per spronare Regione ed Asst Sette Laghi a intervenire per risolvere le tante difficoltà più volte denunciate da pazienti, medici, politici e organi di stampa.

LEGGI ANCHE: Ospedale Galmarini, altri 8 medici lasceranno nei prossimi mesi

“Basta silenzio”

Dopo tanti anni sarà la prima presa di posizione “manifesta” dei cittadini (non solo tradatesi) sull’ospedale. Personale che abbandona la struttura tradatese, sostituzioni che non arrivano, code e reparti in crisi. “Da qui la volontà di non rimanere più in silenzio e di cercare di alzare la testa rispetto ad una situazione che non potrà che peggiorare nei prossimi mesi -spiegano gli organizzatori – Le scelte strategiche effettuate da Regione Lombardia hanno portato ad una preoccupante perdita di molte professionalità di assoluto riferimento per la popolazione. E stanno progressivamente impoverendo gli ospedali varesini anche in termini di qualità dell’offerta sanitaria che spesso non risponde alle reali necessità dei pazienti, dei cittadini e della loro salute e non sempre denotano una reale valorizzazione del personale che si impegna e lavora”.

Leggi anche:  80enne in motorino senza patente: "Credevo di averla fatta da giovane"

LEGGI ANCHE: Ospedale Galmarini, verso una manifestazione in piazza per difenderlo