Nuove telecamere a Pontevecchio e in piazza Mercato.A deciderlo la Giunta Calati nell’ultima riunione, su proposta del vicesindaco e assessore alla Sicurezza Simone Gelli. 

Nuove telecamere a Pontevecchio e in piazza Mercato

“Andiamo avanti nella missione di rendere Magenta più sicura, attraverso l’utilizzo della videosorveglianza collegata al nostro Comando di Polizia Locale. Lo avevo annunciato in sede di discussione in aula, rispetto all’approvazione del bilancio preventivo, ieri, la Giunta, su mia proposta, ha approvato la delibera che individua i luoghi nei quali inseriremo le nuove telecamere che andranno a controllare le vie principali di Pontevecchio e Piazza Mercato. Inoltre, andremo a sostituire l’ormai vetusto impianto di videosorveglianza nei parchi di casa Giacobbe e Ossario”, evidenzia Gelli.

 

Il commento

Dopo le 14 nuove telecamere posizionate sul territorio tra il 2017 ed il 2018, oltre che la sistemazione di una prima parte delle telecamere esistenti ormai non più funzionanti, anche nel 2019, ecco l’implementazione aggiuntiva. “Lo stanziamento che la nostra amministrazione ha inteso mettere in campo su questa importante partita, ammonta, in due anni a 10omila euro, che sono serviti a rilanciare, oltre che a modernizzare, l’intero controllo su tutto il nostro territorio. Se inseriamo anche i due portali installati nella Frazione di Pontenuovo e via Milano, il lavoro che si sussegue ormai dal 2017 è incessante, per garantire sempre più sicurezza in città. Voglio poi ricordare quanto fin qui fatto sul nostro territorio per il comparto sicurezza: l’apertura del Posto di Polizia presso il nostro ospedale, il nuovo numero per il Comando della Polizia Locale, tre nuove auto, le campagne antitruffa e anti contraffazione, approvazione del nuovo Regolamento di Polizia Urbana, 11 allontanamenti già comminati, 2 arresti per spaccio di droga, pattuglie in borghese per il controllo nelle vie del commercio e nelle frazioni, il rinnovo del Patto Locale di Sicurezza di cui Magenta è capofila, le azioni all’interno delle nostre scuole per pervenire bullismo e cyberbullismo, oltre all’assunzione di tre agenti ed un ufficiale, al fine di riportare il nostro comando a pieno organico. Un’azione, la nostra, che non si esaurisce qui ed anzi, il lavoro con Carabinieri e Guardia di Finanza ha implementato la possibilità di elevare la qualità dei controlli che di volta in volta vengono programmati sul nostro territorio”, chiosa Gelli.