“Un punto di partenza per valutare la possibilità del prolungamento della Metropolitana M1 potrebbe essere quello di istituire un tavolo istituzionale che sia propedeutico allo studio di fattibilità, riunendo le parti interessate, ovvero gli enti locali, la Regione e il Governo.” Così il Consigliere regionale Simone Giudici (Lega) e il Vice Presidente del Consiglio regionale, Carlo Borghetti (Partito Democratico).

LEGGI ANCHE: Metropolitana fino a Rho Centro: la mozione dalla Lega in consiglio

Le parole di Giudici

“Come consigliere comunale di Rho – spiega Simone Giudici – ho presentato in questi giorni una mozione per discutere seriamente di questo tema, chiedendo al Comune, dopo aver anche verificato l’opinione della cittadinanza, di intervenire presso il Governo nazionale sulla questione. Dal canto mio ho preso contatti in Regione Lombardia, dove è emersa la disponibilità a valutare una compartecipazione del nostro Ente per un futuro studio di fattibilità, che analizzi l’ipotesi di un prolungamento della M1. Ovviamente – conclude Giudici – è necessaria anche la collaborazione del Governo nazionale che, nel caso l’ipotesi diventi concreta, sarebbe senza dubbio il maggior investitore per la realizzazione dell’opera.”

Le considerazioni di Borghetti

“Nel mese di luglio – prosegue Carlo Borghetti – ho presentato un emendamento al Bilancio regionale con lo scopo di finanziare uno studio di fattibilità atto a valutare la possibilità di prolungare la metropolitana da Rho-Fiera. Nonostante la bocciatura della richiesta sono comunque soddisfatto che oggi qualcosa grazie al lavoro di squadra anche di noi consiglieri regionali rhodensi si muova in Regione; il mio emendamento è servito da stimolo per una riflessione seria su un tema sentito in tutto il nord-ovest Milano. Auspichiamo quanto prima – conclude Borghetti – di riunire gli enti preposti per una discussione costruttiva.”