Neppure il tempo di firmare il protocollo con la Prefettura per il controllo di vicinato, ed ecco scoppiare la bufera. Il consigliere Pd Paolo Razzano, attacca: “Gelli ce la fa? da tempo è attivo il controllo di vicinato, lui era in minoranza, dovrebbe ricordarsi”.

Razzano attacca Gelli

L’ex vicesindaco aveva coordinato la nascita del progetto con l’associazione di Valsecchi e oggi non manda giù “l’operazione di facciata” dell’Amministrazione Calati. E spiega: “All’epoca non c’era un quadro normativo per il controllo di vicinato. La comandante Porta riuscì a supplire a questa mancanza con un protocollo d’intesa, poi firmato dagli aderenti e dalla Polizia locale. Oggi la Prefettura propone un protocollo-quadro per chi vuole partire col progetto. Ma Magenta lo ha già in essere da anni. Assurda la mossa di Gelli”.