Resta sotto i riflettori la dibattuta questione riconoscimento famiglie arcobaleno. E contro il ministro leghista, in Lombardia sale alla ribalta il primo cittadino di Crema.

Riconoscimento famiglie arcobaleno

Il veronese Lorenzo Fontana, già europarlamentare e vicepresidente federale della Lega, oggi Ministro alla Famiglia e alle disabilità, è stato chiaro in più occasioni nel ribadire il suo pensiero:

Sono contro il riconoscimento di figli di coppie gay

Ma da Napoli a Torino continua la registrazione, sugli atti di nascita, dell’annotazione che attesta il riconoscimento dei bambini da parte di entrambi i genitori dello stesso sesso. E in Lombardia, la sindaca anti-Fontana più rappresentativa è sicuramente Stefania Bonaldi da Crema.

LEGGI ANCHE: Ministro Lorenzo Fontana “sponsorizzato” dal Cialis

Coppia di mamme

Come riporta il nostro GiornalediCremona.it, con un atto firmato nella mattinata di oggi come Ufficiale di Stato Civile dal sindaco di Crema, Stefania Bonaldi, il Comune ha ricevuto la dichiarazione successiva di riconoscimento della seconda mamma relativa a un bambino di cui esisteva già la dichiarazione di nascita del primo genitore.

Leggi anche:  Diesel Euro 3, deroga per le società sportive

A differenza del caso precedente dei due papà, per i quali si trattava di trascrivere una sentenza straniera di cogenitorialità, nel caso odierno si parla di un bambino nato in Italia, ora riconosciuto come figlio di due mamme.

QUI LA STORIA COMPLETA DELLE DUE DONNE E LE PAROLE DELLA BONALDI

Prima di lei Appendino e De Magistris

I registri di Stato Civile di Torino sono già stati modificati per trenta bambini.

“Siamo orgogliosi che Torino sia stata la prima città italiana a consentire alle coppie omogenitoriali di veder riconosciuto il diritto ai loro figli di avere entrambi i genitori”.

Così la sindaca di Torino, Chiara Appendino del Movimento 5 Stelle. E dello stesso avviso anche Luigi De Magistris a Napoli:

“Un bimbo che nasce deve avere gli stessi diritti degli altri bimbi anche se ha due genitori dello stesso sesso perchè la Costituzione, nata dalla resistenza al nazifascismo, recita l’uguaglianza senza distinzione di sesso”.

TORNA ALLA HOME PER LEGGERE LE ALTRE NOTIZIE