Rotatoria A7 a Binasco, i lavori non sono ancora conclusi. I Cinque Stelle tornano a chiedere penali per l’azienda incaricata.

Rotatoria A7, lavori non ancora conclusi: rabbia M5S

Sforati i tempi di realizzazione della rotatoria fra il casello della A7 e la strada provinciale Binasco-Vermezzo. Ed ora i Cinque Stelle alzano la voce tornando a chiedere penali per l’azienda incaricata dei lavori, dopo le rassicurazioni degli scorsi mesi da parte della vicesindaca di Città metropolitana Arianna Censi.

Spiega con una nota il consigliere regionale dei Cinque Stelle Nicola Di Marco: “A fine 2018 come M5S abbiamo presentato una interrogazione in Città Metropolitana per chiedere conto dei ritardi verificatisi nel corso della realizzazione della rotonda allo svincolo fra il casello A7 e la strada provinciale Binasco–Vermezzo. Nonostante le dichiarazioni trionfalistiche della vicesindaca con delega alle infrastrutture di Milano Città Metropolitana Arianna Censi, infatti, la realizzazione della rotonda che era stata annunciata in dirittura di arrivo prima ad agosto 2018, poi a settembre, è stata “aperta” al traffico solo nel mese di novembre ma, ad oggi, i lavori sono ancora da concludere, come si può vedere andando sul cantiere ancora in corso. A questo proposito avevamo chiesto di verificare la possibilità di avviare le procedure per l’applicazione delle penali per il non rispetto dei tempi previsti da contratto”.

Leggi anche:  Decreto Pillon a Varese, protesta del Pd: "Progetto pericoloso"

“Alle nostre rimostranze sui ritardi – prosegue il pentastellato -, in risposta all’interrogazione, nel merito, la vicesindaca però si è giustificata parlando di «consegna parziale dei lavori». Per questo al momento momento non è stata emanata ancora né una penale né una contestazione. La zona di intervento rappresenta un nodo nevralgico della viabilità provinciale, sia per Pavia, sia per Milano, pertanto i disservizi si ripercuotono anche sul resto della viabilità. Particolarmente colpiti da questi problemi sono fra gli altri i Comuni di Binasco, Noviglio, Casarile, Lacchiarella, Zibido San Giacomo. Insomma, oltre i ritardi anche la beffa per chi aveva creduto alle parole da marinaio di Città Metropolitana. Come M5S continueremo a monitorare la situazione e verificheremo l’esatta attuazione dei lavori e se il caso delle penali alla luce dei disagi provocati nei mesi passati”. TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE