Polemiche per i 25 aprile con i Punkreas.

Scoppia la polemica sul 25 aprile a Legnano coi Punkreas

Si preannuncia un 25 aprile tutt’altro che tranquillo in città dove è previsto il concerto dei Punkreas. E’ il centro “Il Salice” di Mazzafame ad annunciare le difficoltà che sta incontrando nell’organizzazione della giornata in ricordo della Liberazione dal nazi-fascismo: mercoledì 25 infatti è in programma al centro la giornata di festa con concerto della famosa punk band dei Punkreas (originaria di San Lorenzo di Parabiago) che a sua volta si fa sentire

Parla il Salice, luogo del concerto

“Un ottimo riscontro di pubblico nel 2016 e 2017, con miglia di giovani interventi e anche di critica – spiegano gli organizzatori ossia At Mazzafame, Salice Legnano, Associazione Laboratorio di quartiere Mazzafame, associazione Circolo S.Teresa Mazzafame -. L’attuale giunta ha invece rinunciato a mantenere questa eredità che vede coinvolti giovani, associazioni e volontari, decidendo di organizzazione le altre manifestazioni e ostacolando l’organizzazione del concerto fino a ottenerne il divieto con la seguente sequenza: affermano che nulla sapeva nonostante le numerose richieste inoltrate, comunicando via telefono che ‘il concerto non è previsto’; in seguito accettando un incontro con gli organizzatori nel quale, pur dichiarando disponibilità per il 2019, escludeva assolutamente alcun coinvolgimento dell’Amministrazione comunale nell’organizzazione del concerto 2018. Rigettando, nel giro di poche ore, con argomentazioni deboli e pretestuose, come ‘irricevibile’ la richiesta. Coinvolgendo la Polizia di Stato per (non si sa quali) questioni di ordine pubblico. A questo punto la Polizia di Stato non può far altro che intimare agli organizzatori di non svolgere la manifestazione. Tutti sappiamo quanto sia importante investire proprio qui, dove il nostro impegno e quello dell’Amministrazione comunale può contribuire a costruire una città migliore, anche secondo le aspettative che sono state sollecitate proprio con le ultime amministrative”.
Dal Salice ribadiscono perchè il concerto si dovrebbe svolgere: “Perchè la Festa della Liberazione, a Legnano, si rivolga ogni anno anche ai giovani cittadini, perchè la musica ha dimostrato le sue forti capacità di aggregazione e richiamo, perchè le periferie devono essere protagoniste, perchè l’Amministrazione comunale di Legnano, qualunque essa sia, consideri il Concerto a Mazzafame un evento irrinunciabile nella programmazione della Giornata del 25 aprile”.
E annunciano: “A fronte dell’atteggiamento di chiusura dell’Amministrazione comunale che di fatto ha dimostrato non solo di non voler organizzare o collaborare ma anche di voler vietare, proprio nel giorno della Festa della Libertà, vogliamo dimostrare il senso di responsabilità e rispetto della legalità che ci contraddistinguono: verrà mantenuto il programma pubblicato fatta eccezione per il concerto dei Punkreas. Invitiamo al centro a festeggiare. I Punkreas saranno presenti al pranzo sociale e durante la giornata a difesa dei valori della Resistenza del 25 aprile. Sarà presentata a breve alla Polizia locale la richiesta di autorizzazione per un prossimo concerto dei Punkreas perchè il 25 aprile a Mazzafame è tutti i giorni”.

Leggi anche:  Del Gobbo sposa l'alleanza con Forza Italia

L’intervento dei Punkreas sulla vicenda

“Vietato il nostro concerto del 25 aprile a Legnano, siamo sicuri che la camicia sia solo verde – si chiedono dalla punk band famosa in tutta Italia e non solo -? L’Amministrazione leghista di Legnano vieta il nostro concerto per una manifestazione che si è svolta ininterrottamente dal 2015 a oggi nel medesimo posto con le medesime autorizzazioni e specifiche tecniche. Ma quest’anno, prima il Comune ha negato il patrocinio e finanziamento, poi i vigili hanno rifiutato i permessi. Cosa è cambiato quest’anno? Due cose: i Punkreas e la nuova giunta di centrodestra a guida leghista. Non è un mistero che non ci sono molte ‘simpatie’ tra noi e la Lega ex Nord. Abbiamo già avuto qualche ‘problemino’ qualche anno fa a Parabiago ma, soprattutto, pare non sia stato gradito il nostro ultimo singolo ‘U-soli?’. Volevamo portare sul palco qualcuno dei meravigliosi bambini che hanno partecipato al vide della canzone (alcuni di loro legnanesissimi) e alimentare un dibattito che a nostro avviso deve essere ancora approfondito. Ma la Lega di oggi è evidentemente allergica al confronto. Come è più probabilmente allergica ai valori della Resistenza che sono alla base della nostra democrazia”.
E la band annuncia: “E’ grave, gravissimo che l’Amministrazione di Legnano abbia deciso di non far celebrare adeguatamente il 25 aprile ostacolandone lo svolgimento fino al punto di chiedere il divieto del nostro concerto. Sarebbe grave, gravissimo che lo abbia fatto per impedire che in quell’occasione si esprimano idee e valori in disaccordo coi loro. Noi mercoledì 25 aprile festeggeremo comunque la Resistenza, senza fermarci a comunicati stampa e divieti. Saremo tutti presenti al centro Pertini e ci aspettiamo che la cittadinanza legnanese e gli antifascisti del territorio siano con noi e con gli organizzatori per rivendicare che la Resistenza non è solo un ricordo ma pratica quotidiana. La musica, come l’antifascismo, non si possono fermare”.