Sì al Controllo di vicinato contro i furti.

Stop ai furti, Comune favorevole al Cdv

Anche San Vittore Olona ha scelto il Controllo di vicinato per combattere i furti. Il Comune ha infatti sottoscritto il Protocollo d’intesa sul progetto insieme a molti altri enti locali del territorio metropolitano. Un documento sottoscritto col Prefetto di Milano Luciana Lamorgese che disciplina le attività del controllo di vicinanza e stabilisce le modalità di azione, nel rispetto dei principi e normative.
Un accordo nato per valorizzare la collaborazione tra istituzioni e cittadini (che così potranno aumentare gli standard di sicurezza della propria comunità). Inoltre forniranno alle forze dell’ordine ogni informazione utile per un loro intervento immediato.

Il ruolo del cittadini

Nello specifico, ogni cittadino è chiamato a segnalare alle Polizie locali (attraverso i propri coordinatori del progetto) situazioni riguardanti la sicurezza urbana e degrado sociale. Alle forze di polizia verranno denunciate le situazioni di pericolo per l’ordine e sicurezza pubblica e la possibile flagranza di commissione di reati tramite il numero unico emergenze ossia il 112.

Leggi anche:  Mancano i documenti, salta la Commissione Antimafia

Il commento del sindaco

“Sono molto felice per questo importante risultato che le istituzioni hanno conseguito grazie all’attenzione del Prefetto – afferma il primo cittadino Marilena Vercesi -, da tempo si sentiva la necessità di una cabina di regia soprattutto le amministrazioni che, come la nostra, hanno avviato già da anni questo progetto sui propri territori in tema di cittadinanza attiva e sicurezza partecipata. Obiettivo comune è favorire una maggiore consapevolezza nei cittadini e accrescere la fiducia nei confronti della forze di polizia e istituzioni. A breve – conclude – ci attiveremo per informare la cittadinanza, sul protocollo d’intesa, con una conferenza pubblica. Mi auguro che ci possano essere ulteriori buone notizie anche in relazione allo sblocco delle assunzioni degli agenti di Polizia locale affinchè si possa superare lo stallo delle mobilità che da diversi anni ha di fatto ingessato l’attività del comando e attuare azioni più incisive in tema di controllo del territorio e contrasto alla criminalità”.

Torna alla home page di Settegiorni per le altre notizie