“È un giorno di grande festa per tutta la città di Saronno e i saronnesi”.

Inaugurata la pista di atletica dello stadio di Saronno

Ieri, sabato 7 luglio, è stata inaugurata la pista di atletica dello stadio di Saronno. E’ intervenuto il sindaco Alessandro Fagioli il quale ha dato il via alla cerimonia. Vista l’importanza dell’evento la Regione Lombardia ha deciso di far sentire la sua vicinanza con la partecipazione dell’assessore allo Sport Martina Cambiaghi e la presenza del sottosegretario alla Presidenza con delega ai Grandi Eventi, Antonio Rossi. Erano inoltre presenti: tutta la giunta comunale, il Presidente del Consiglio comunale Raffaele Fagioli e alcuni consiglieri. In chiusura il Presidente di Fidal Lombardia, Gianni Mauri, ha voluto dedicare un pensiero a Pierluigi Migliorini, “un uomo che ha segnato l’atletica lombarda per 50 anni. Con l’occasione ringrazio il sindaco e tutta l’amministrazione comunale per il lavoro in questi anni e il loro supporto”.

Le parole del sindaco

“È un giorno di grande festa per tutta la città di Saronno e i saronnesi. Oggi inauguriamo l’importante pista di atletica dello stadio della nostra città, completamente ristrutturata grazie all’impegno concreto dell’amministrazione comunale che ha voluto investire 300.000 euro e alle risorse, pari a 250.000 euro, messe a disposizione da Regione Lombardia, attraverso un loro bando. Un successo straordinario reso possibile grazie all’impegno di tutti i miei assessori, dirigenti comunali e le associazioni, grande patrimonio della città. Un grazie quindi a tutti coloro che in questi tre anni si sono impegnati per la realizzazione di un grande progetto”.

Leggi anche:  Salto triplo per l'Osal Novate

Le parole di Antonio Rossi

“Con il lavoro e l’impegno quotidiano nello sport i sogni possono trasformarsi in realta’ e i sacrifici quotidiani diventare divertimento. Per un atleta anche un campionato di livello regionale e’ un evento importante da onorare. Le gare di oggi hanno dimostrato quanto lo sport sia vivo e sentito in Lombardia, a tutti i livelli, dalle categorie giovanili sino alle Olimpiadi, che auspichiamo di ospitare nell’appuntamento invernale del 2026”.