RHO – Che “Farfalle” ragazzi… La nazionale italiana di ginnastica ritmica ha compiuto l’ennesima impresa della stagione. Impresa che anche stavolta ha i toni del trionfo ed è color oro.

A Kazan, nell’ultima prova della World Challenge Cup, le ginnaste guidate dalla rhodense Emanuela Maccarani hanno vinto il Concorso Generale, laureandosi così campionesse della World Challenge stessa.

Risultato straordinario, perché arrivato grazie ad una poderosa rimonta. Dopo la prima esecuzione con palle e funi, infatti, l’Italia era al terzo posto alle spalle di Bulgaria e Russia.

Nella prova con i cinque cerchi, però, Alessia Maurelli,Martina Centofanti, Agnese Duranti,Martina Santandrea,Anna Basta eLetizia Cicconcelli hanno sbaragliato il campo.

La giuria, non propriamente impeccabile nelle valutazioni della prima giornata, non ha potuto esimersi dall’assegnare il miglior punteggio alle azzurre che hanno scalato così la classifica.

Con 43,950, l’Italia si è trovata appaiata alla Russia, ma ha vinto la medaglia d’oro perché ha ricevuto una valutazione più alta nell’esecuzione. Terzo posto per la Bulgaria.

Sono davvero soddisfatta ha detto al termine della gara la Direttrice Tecnica Nazionale, alias Emanuela Maccarani – perché vincere una medaglia d’oro all-around in terra russa vale doppio, soprattutto in una gara difficilissima come questa”.

Un grande risultato che nella giornata di oggi potrebbe essere ulteriormente impreziosito essendo in programma le finali di specialità.

Poi tutti con la mente rivolta in direzione di Sofia, capitale della Bulgaria: tra due settimane comincerà il Campionato del Mondo. In palio le medaglie ma, soprattutto, la qualificazione alle Olimpiadi di Tokio 2020.