Un gommone nelle acque dell’Antartide. Nevica, tira vento. Tutti sono intabarrati con materiale termico per coprire anche l’ultimo lembo di pelle. Arriva il comando. «Togliere i vestiti». Paolo Chiarino resta in costume e occhialini. Il 52enne cremellese è uno dei migliori nuotatori invernali al mondo, un’eccellenza assoluta della disciplina, unico italiano.   E ora ha portato a termine una impresa che definire… da brivido è poco. Un chilometro nell’acqua dell’Antartide a -1,2 gradi in 14 minuti e 15 secondi.

Un chilometro nell’acqua dell’Antartide a -1,2 gradi

La prova sui 1000 si è tenuta in due giorni, venerdì e sabato. «Psicologicamente l’attesa è stata difficile, soprattutto per la paura di non poter gareggiare per il vento forte e le condizioni meteo che cambiano repentinamente. Dopo la prova poi hai in mente solo le sensazioni sgradevoli. Mi sono reso conto per la prima volta quanto fosse estrema l’impresa quando il medico, un sudafricano molto bravo, mi ha segnato le vene col pennarello. Perché se esci dall’acqua e sei congelato sa dove poter fare una puntura… Un po’ di ansia ti viene».

Una esperienza indimenticabile

E’ stato tutto bellissimo, un viaggio fantastico in un continente che non si conosce, enorme, fatto di ghiaccio. Anche solo il viaggio è stato particolare. Fra l’Antartide e il Sudamerica, sotto Capo Horn, nel canale di Drake c’erano onde alte fino a 10 metri che sbattevano sulla fiancata: la punta della nave affondava e in tanti sono stati male. Mai visto un mare così in tempesta, tanto che la domenica siamo dovuti scappare senza effettuare l’escursione prevista.

Una impresa tutta da raccontare

Lunedì 10 dicembre  Chiarino sarà ospite della Canottieri Olona per raccontare questa incredibile avventura. Poi tornerà a parlarne a Radio Deejay e a Sportitalia. Per amore del nuoto. Solo quello. “Mi sono indebitato per vivere questa magia, alcuni atleti con me invece sono milionari per queste imprese. Ma voglio lo stesso promuovere e diffondere questa esperienza, davvero bella anche solo da raccontare”.